Site icon Lagenda News

Sconvolgente disastro in mare: la crociera si trasforma in un incubo!

Crociera

Crociera

La crociera dei sogni si è trasformata in un incubo per i passeggeri della Spirit of Discovery. Una tempesta feroce ha assalito la nave da crociera al largo della costa francese, portando con sé terrore e disordine. Richard Reynolds, un uomo con un passato di esperienze estreme, ha trovato la realtà della tempesta paragonabile ai suoi giorni più bui di servizio militare e vigile del fuoco. A bordo con la sua famiglia, tra cui genitori anziani, si sono trovati di fronte a onde alte fino a quattordici metri che hanno scosso la nave e il suo equipaggio fino al nucleo.

La violenza della tempesta non ha risparmiato nulla. Mobili, oggetti personali, piatti e bicchieri sono stati strappati dai loro posti sicuri e lanciati attraverso l’aria come proiettili in un campo di battaglia. L’anziana madre di Reynolds è stata una delle oltre cento vittime che hanno subito ferite durante la manovra di emergenza della nave. Richard, nel raccontare la sua esperienza al Daily Mail, ha dipinto un quadro vivido di terrore e disordine, con onde così potenti da raggiungere le finestre del quinto piano e passeggeri che urlavano, temendo per la loro vita.

Jan Bendall, 75 anni, che era in viaggio con il marito, ha condiviso la sua storia di 15 ore di paura, in balia delle onde senza sosta. Nonostante la sua buona salute, ha espresso profonda preoccupazione per gli altri passeggeri più anziani e vulnerabili, molti dei quali erano visibilmente nel panico. Il suo racconto riecheggia il senso di impotenza vissuto da tutti mentre erano intrappolati in un disastro che nessuno si aspettava e per il quale pochi erano preparati.

La situazione ha assunto una piega ancora più grave quando è emerso che la tempesta era stata monitorata da Reynolds sul suo dispositivo mobile ben due giorni prima che colpisse. Tuttavia, l’equipaggio sembrava aver sottovalutato la minaccia, deciso a mantenere il programma stabilito, un errore che, secondo Richard, avrebbe potuto costare molto di più.

La disillusione per come è stata gestita la crisi è palpabile nelle parole di Reynolds, che si è sentito abbandonato dal capitano e dalla compagnia di crociera, Saga Cruises. La consueta cortesia di una salutazione finale è stata sostituita da una fredda lettera di scuse, un gesto che a molti è sembrato inadeguato vista la gravità dell’incidente.

Il viaggio, per cui la famiglia Reynolds ha speso circa 19mila sterline, è finito con loro chiusi nelle cabine per due giorni, attaccati ai loro letti, completamente vestiti e con i giubbotti di salvataggio indosso, una misura precauzionale che ha sottolineato la serietà della situazione. Il trauma vissuto da Richard e dagli altri passeggeri ha lasciato cicatrici profonde, tanto che si sta valutando la possibilità di intentare un’azione legale contro la compagnia di crociera.

Exit mobile version